• +39 089 239256
  • info@virnostudioodontoiatrico.it

Magazine

LA PRIMA VISITA DAL DENTISTA

Erminia Virno No Comments

La prima visita dal dentista

consiste in uno studio completo dello stato di salute della vostra bocca; è necessario quindi comunicare tutto ciò che riguarda la vostra salute e, nelle visite successive, eventuali cambiamenti dello stato di salute della vostra bocca e di eventuali altre terapie.

Con i controlli regolari (idealmente ogni sei mesi) , il vostro dentista può aiutarvi ad evitare problemi sia ai denti ed alle gengive, sia alle mucose per prevenire e/o curare in fase iniziale carie, parodontopatie, lesioni e tumori del cavo orale.

Perché i controlli prevedono una seduta di igiene orale

Spesso i controlli includono una completa pulizia dei denti, da parte del dentista o dell’igienista dentale; tale trattamento prevede che l’igienista pulisca i denti fin sotto il margine gengivale rimuovendo la placca e il tartaro che possono nascondere carie e che causano problemi gengivali, alitosi e altri problem

L’ esame completo, 

a seconda della vostra condizione, può prevedere anche una radiografia delle arcate dentali (ortopantomografia ), al fine di rilevare problemi altrimenti non identificabili ad occhio nudo, quali il danneggiamento dell’osso mascellare, denti rovinati, ascessi, cisti o tumori e deterioramento degli spazi interdentali.

Lo studio dentistico moderno utilizza un ortopantomografo il cui livello di radiazioni emesse è praticamente basso (non più di quelle che ricevereste stando una giornata al sole o guardando la televisione il fine settimana), le signore dovranno però comunicare al dentista l’eventuale gravidanza, poiché in tal caso la radiografia si fa solo se assolutamente indispensabile e solo su un singolo dente.

Quanto tempo deve trascorrere tra una visita e l’altra?

Se i denti e le gengive sono sani, probabilmente non dovrete tornare prima di tre o sei mesi, se invece fossero necessarie delle cure fisserete un altro appuntamento per visionare ed approvare il piano di cure ed il preventivo prima di iniziare le terapie. Non dimenticate di chiedere al dentista tutte le informazioni di cui avete bisogno: un paziente informato è un paziente consapevole del valore della propria salute.

LINEE GUIDA ALLA SALUTE ORALE DEI BAMBINI

Erminia Virno No Comments

Pubblicate le linee guida sull’igiene orale nei bambini

Sulla sua rivista ufficiale, Pediatrics, l’American academy of pediatrics (Aap) ha pubblicato le linee guida sull’igiene orale dei bambini.
“Dato che i più piccoli vedono il dentista meno di quanto vedano il pediatra, è importante che quest’ultimo sia informato circa i meccanismi che portano alla carie, su come prevenirla, e su quali interventi servano a mantenere la salute orale dei suoi giovani assistiti”, esordisce David Krol odontoiatra alla Robert Wood Johnson foundation di Princeton, New Jersey, e presidente del Comitato esecutivo Aap sulla salute orale.

“La prevenzione della carie richiede un approccio globale, che include la valutazione precoce del rischio da parte del medico e un’adeguata sorveglianza della famiglia” continua l’esperto, spiegando che il modo migliore di prevenire le carie nei bambini è quello di concentrarsi sui principali fattori di rischio tra cui la dieta e l’igiene orale. A questo proposito le linee guida raccomandano ai pediatri di informare i genitori sull’importanza di allattare, se possibile, i neonati al seno nei primi sei mesi dal parto, ma anche di ridurre l’esposizione ad alimenti e bevande zuccherate, e di evitare le bibite gassate.

“I bambini andrebbero incoraggiati a bere solo acqua tra i pasti, preferibilmente quella fluorata del rubinetto” riprende Krol, sottolineando inoltre la grande importanza di una corretta igiene orale. A questo proposito l’Aap raccomanda di spazzolare i denti del bambino, non appena erompono dalle gengive, per almeno due volte al giorno usando un tamponcino e una piccola quantità di dentifricio al fluoro, da aumentare con l’età. L’uso corretto dello spazzolino è da insegnare più tardi, fino a che il bambino, all’età di otto anni circa, non sarà in grado di usarlo da solo. Infine, l’Aap prende posizione sul ciuccio o il dito in bocca. “Se durano oltre il terzo anno di vita, entrambe le abitudini potranno causare problemi alle strutture dentali. E in questo caso è opportuno il parere di un dentista” conclude il ricercatore.

Sorriso e gravidanza

Erminia Virno No Comments

Sorriso e gravidanza

La gravidanza è un periodo bellissimo ma gli squilibri ormonali provocano una serie di variazioni della funzionalità corporea, fra questi anche la sensibilità dei denti e delle gengive in mancanza di una corretta igiene orale. E’ facile infatti notare un aumento della produzione della placca batterica con il conseguente verificarsi di gengiviti gravidiche o ormonali.
L’igiene professionale aiuta ad evitare le infiammazioni gengivali che comporterebbero anche l’aggravarsi di tasche parodontali a cui, in questo momento particolare della vita , bisogna fare particolare attenzione. E’ ormai dimostrato che le infiammazioni gengivali compromettono i normali tempi di gestazione e che i batteri presenti nelle tasche parodontali possono causare disturbi nella riduzione del peso del nascituro: i batteri si diffondono nel circolo sanguigno attraverso l’infiammazione gengivale e raggiungono il feto con conseguente rallentamento della crescita e anticipazione della nascita.
Le ricerche, condotte dalla professoressa Marjorie Jeffcoat,
dell’Università dell’Alabama, che ha messo a confronto diversi piani di cura per donne in gravidanza affette da problemi gengivali,
hanno dimostrato che le future mamme trattate solo con igiene orale hanno visto ridurre il rischio di nascite premature dell’84% rispetto a coloro che erano state trattate con antibiotici (peraltro molto dannosi in gravidanza).
Un comportamento salutare perché un figlio/a nasca sano e del giusto peso prevede uno stile di vita senza fumo e alcool e l’adozione ed il mantenimento di una corretta igiene orale.
Una mamma con un sorriso sano ha più possibilità di dare al mondo un figlio sano.

Qual’è il costo di uno sbiancamento dei denti?

Erminia Virno No Comments

 

Il costo dello sbiancamento dei tuoi denti PER TE è il tuo impegno
nel mantenere il tuo sorriso sano, il tuo impegno nel cambiare le tue abitudini (smettere di fumare, cambiare l’alimentazione, lavare i tuoi denti meglio e più spesso).
PER NOI il costo di uno sbiancamento per questa estate è € 147,00!

 

Telefona e prenota ora …089 239256.

sbiancamento

OPERAZIONE DENTI PROMOSSI!

Erminia Virno No Comments

 

OPERAZIONE DENTI PROMOSSI!

 

Sei stato promosso?

 

Prima di andare in vacanza accertati che i tuoi denti siano sani: durante l’estate il calore,il disordine alimentare (maggior consumo di bevande gassate e succhi zuccherati), le cattive abitudini e i cambiamenti di orari nell’igiene orale portano ad un aumento delle carie. Fai un controllo prima di dedicarti alla tua estate…

 

FAI IN MODO CHE I TUOI DENTI VENGANO PROMOSSI

 

Per ogni bambino/a che avrà effettuato una visita di controllo presso il nostro studio, entro e non oltre il 15 luglio, un simpatico regalo.

 

 

 

Ecco perché ridere e sorridere fa bene

Erminia Virno No Comments

Lo sappiamo tutti ma non sappiamo perché. eppure ridere e sorridere fa bene:
in alcuni ospedali si pratica già la ‘geloterapia’, la terapia del sorriso. Una ricerca di Ilona Papousek, dell’università austriaca di Graz, mostra ad esempio che sorridere abbassa la pressione del sangue e che potrebbe essere un’ottimo esercizio di riabilitazione dopo ictus: l’esercizio del sorriso risulta molto più efficace contro la pressione alta rispetto ai programmi standard di esercizio fisico prescritti ai pazienti.

Sempre per rimanere in tema di salute cardiovascolare, un altro studio (presentato al convegno dell’American College of Cardiology ad Orlando, in Florida) dimostra che un sorriso fa bene alla circolazione del sangue come una lezione di aerobica perché favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni.

Sorridere, inoltre, migliora l’umore e la resistenza allo stress; fa dimagrire (specie se parliamo di risate fragorose ed energetiche), infatti una ricerca pubblicata sull’International Journal of Obesity ha dimostrato che ridere 15 minuti al giorno può permettere di perdere in un anno oltre due chili. Il suo potere è tale che, ha scoperto Fritz Strack dell’università tedesca di Wurzburg, anche se stampato forzatamente sul viso (per esempio semplicemente tenendo in bocca una penna), un sorriso fa bene comunque. Significa che anche un sorriso finto produce gli stessi effetti benefici di una risata vera.

Ma qual è il segreto del sorriso? Ridere rilassa i muscoli e mette in circolo molecole ‘positive’ come le endorfine ma un sorriso bello e sano è alla base di tutto questo; è risaputo infatti che le persone che non possono vantare  denti sani e/o bianchi, tendono a nasconderli e a sorridere di meno.

Facciamoci un regalo questo mese: con il nostro aiuto potrete  rinnovare, curando e sbiancando i vostri denti, il vostro sorriso.
Il nostro Studio lancia infatti l’iniziativa SORRISI DI PRIMAVERA.
CHIAMA LA NOSTRA SEGRETERIA ENTRO IL MESE DI MAGGIO…TANTE INIZIATIVE PER TORNARE A SORRIDERE!

IL MIO CODICE DEONTOLOGICO, LA MIA REGOLA DI VITA

Erminia Virno No Comments

Questo è il Giuramento che noi medici ed odontoiatri dobbiamo prestare ed è il codice deontologico a cui mi attengo nella mia professione e nella mia quotidianità.

GIURAMENTO di IPPOCRATE
Testo “classico” del Giuramento Ippocratico.

Giuro per Apollo medico e per Asclepio e per Igea e per Panacea e per tutti gli Dei e le Dee, chiamandoli a testimoni che adempirò secondo le mie forze e il mio giudizio questo giuramento e questo patto scritto. Terrò chi mi ha insegnato quest’ arte in conto di genitore e dividerò con Lui i miei beni, e se avrà bisogno lo metterò a parte dei miei averi in cambio del debito contratto con Lui, e considerò i suoi figli come fratelli, e insegnerò loro quest’arte se vorranno apprenderla, senza richiedere compensi né patti scritti. Metterò a parte dei precetti e degli insegnamenti orali e di tutto ciò che ho appreso i miei figli del mio maestro e i discepoli che avranno sottoscritto il patto e prestato il giuramento medico e nessun altro. Scegliero’ il regime per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, e mi asterrò dal recar danno e offesa. Non somministerò a nessuno, neppure se richiesto, alcun farmaco mortale, e non prenderò mai un’ iniziativa del genere; e neppure fornirò mai a una donna un mezzo per procurare l’aborto. Conserverò pia e pura la mia vita e la mia arte. Non opererò neppure chi soffre di mal della pietra, ma cederò il posto a chi è esperto di questa pratica. In tutte le case che visiterò entrerò per il bene dei malati, astenendomi ad ogni offesa e da ogni danno volontario, e soprattutto da atti sessuali sul corpo delle donne e degli uomini, sia liberi che schiavi. Tutto ciò ch’io vedrò e ascolterò nell’esercizio della mia professione, o anche al di fuori della della professione nei miei contatti con gli uomini, e che non dev’essere riferito ad altri, lo tacerò considerando la cosa segreta. Se adempirò a questo giuramento e non lo tradirò, possa io godere dei frutti della vita e dell’ arte, stimato in perpetuo da tutti gli uomini; se lo trasgredirò e spergiurerò, possa toccarmi tutto il contrario.

Cos’é il consenso informato?

Erminia Virno No Comments

Molto spesso, quando ci si trova a discorrere di consenso informato, si ha l’impressione di parlare di un argomento che si fatica, e non poco, a comprendere. Nell’immaginario di molti pazienti, il consenso informato non è altro che quel foglietto di carta da leggere, firmare e restituire prima di sottoporsi ad un esame clinico o ad un intervento chirurgico. IL CONSENSO INFORMATO è
il diritto di ciascuna persona, prima di esser sottoposto a qualsiasi trattamento sanitario, ad essere correttamente informata sul proprio stato di salute e sulle opportunità di cura e quindi di non subire altro intervento che incida in qualche misura sulla propria salute, se non quello per cui ha prestato valido consenso.

Il consenso informato non va dunque identificato con il singolo atto di assenso del paziente al trattamento sanitario prospettatogli, quanto piuttosto nel rapporto stesso medico-paziente e nella capacità del medico, di comunicare l’informazione, e del paziente, di elaborarla correttamente esprimendo un consenso consapevole.
È necessario che le informazioni fornite siano complete ed esaustive e che il destinatario sia in grado di comprenderle e sia quindi capace di intendere e di volere.
Grazie alle nuove tecnologie diagnostiche innovative ed “immediate”, come la radiologia digitale o l’utilizzo di telecamere endorali, l’ odontoiatra può comunicare in modo sempre più efficace con il paziente che può comprendere ancora meglio il contenuto dell’informazione preliminare alle cure.images telecamera

Il cibo può aiutarci a prevenire la carie?

Erminia Virno No Comments

Bambini con denti sani: 10 regole

Denti sani
Fra nutrizione e apparato masticatorio esiste una correlazione reciproca. Infatti se per un normale sviluppo e per la conservazione dell’apparato dentale è necessaria un’alimentazione adeguata, per l’utilizzazione e la digestione del cibo è necessaria una adeguata masticazione.

Una regolare nutrizione è dunque alla base della formazione e conservazione dell’apparato dentale.
Tra le malattie più frequenti a carico dei denti nei bambini troviamo la carie che è ancora oggi tra le patologie infettive più diffuse nella popolazione mondiale ed in particolare è l’infezione cronica orale più comune in età pediatrica.

Nelle nazioni europee industrializzate, i bambini con almeno un dente cariato sono il 68% tra gli 8 e 9 anni, l’85% tra i 13 e i 14 anni.
La situazione in Italia va leggermente meglio con un 63% di soggetti affetti all’età di 12 anni.

Ma che cos’è la carie?

Si tratta di un processo che causa una perdita progressiva di calcio e la distruzione dei tessuti duri del dente.

La carie è dovuta ad alcuni batteri che fermentando i carboidrati presenti in cibi e bevande formano acidi che possono attaccare la superficie dei denti, demineralizzandola.
Per contro, la saliva svolge un’azione di difesa, sia perchè pulisce i residui di cibo, sia perchè neutralizza gradualmente gli acidi e restituisce allo smalto dei denti calcio e fosfato, iniziando il processo di remineralizzazione. Se, in un certo periodo di tempo, la demineralizzazione prevale sulla remineralizzazione, ecco comparire la carie.
E’ importante, quindi, educare sin da piccoli i nostri figli all’applicazione di regole semplici ma efficace per favorire la prevenzione della carie dentale.

Ecco il decalogo dei denti forti e sani:

  1. Ridurre l’assunzione di zuccheri semplici: il latte del mattino può essere assunto senza zucchero, evitare bevande zuccherate per le merende: l’acqua anche gassata piace a tutti, magari possiamo acquistare delle bottigliette invitanti con disegnati i loro personaggi preferiti e mettervi l’acqua da portare a scuola. A scuola o all’asilo la merenda a metà mattina potrebbe essere tranquillamente evitata se ci fosse una prima colazione adeguata.
  2. Dopo ogni pasto lavarsi bene i denti ricordandosi di: Usare dopo ogni pasto il filo interdentale. Cambiare lo spazzolino ogni 2 – 3 mesi. Effettuare regolari visite dal dentista e sottoporsi alla pulizia professionale dei denti almeno una volta all’anno.
  3. Ridurre l’assunzione di frutta secca: ha un’elevata densità zuccherina e adesività sul dente;
  4. Sì a frutta e verdura cruda, infatti i denti per mantenersi sani hanno bisogno di “fare ginnastica” e risulta fondamentale l’introduzione di alimenti duri. La masticazione aiuta a mantenere vitale il dente che viene sottoposto ad una specie di massaggio, il quale a sua volta stimola la circolazione del sangue nella gengiva. L’introduzione di alimenti di una certa consistenza favorisce inoltre lo sviluppo più idoneo dell’ apparato neuromuscolare responsabile di una corretta masticazione;
  5. Sì a latte e latticini: sono da preferire formaggi tipo: grana, Emmental, pecorino, groviera poichè sono più ricchi di calcio. I formaggi oltre a contenere calcio, sono ricchi di fosforo e caseina che si ritiene inibiscano la formazione della carie.
    La tabella sottostante mostra i principali derivati del latte ed il loro specifico contenuto nutritivo di proteine e sopratutto di calcio. Ogni alimento nella quantità indicata apporta 130 calorie.I CAMPIONI DEL CALCIO

    ALIMENTI QUANTITà PROTEINE (g) CALCIO (mg)
    Latte intero 200 ml 6,5 250
    Yogurt intero 200 ml 7 200
    Mozzarella 55 g 11 221
    Groviera o pecorino 35 g 10,5 392
    Parmigiano reggiano 30 g 10,8 402

    (fonte www.istitutodanone.it)

  6. Attenzione ai cibi cariogeni: La cariogenicità di un alimento dipende molto, oltre che dalla sua composizione chimica, dalle caratteristiche di adesività (è maggiore per gli alimenti che restano a lungo aderenti ai denti, come caramelle morbide, fichi secchi, barrette dolci), dalla frequenza e dai tempi di assunzione. Esiste una vera e propria tabella dei cibi più cariogeni, la cui assunzione andrebbe moderata (vedi tabella soprastante);
  7. Quando si è impossibilitati a lavarsi i denti si consiglia di masticare chewing-gum senza zucchero poichè stimola la saliva e svolge un’azione protettiva grazie alla presenza di enzimiche che favoriscono l’azione demineralizzante.
  8. L’importanza dell’igiene orale: lo scopo principale delle tecniche di igiene orale è la rimozione meccanica dei depositi di placca, con diminuzione della carica batterica e disgregazione delle colonie. Oltre ad un corretto spazzolamento dei denti è importante il tempo che si utilizza per questa operazione. Potrebbe essere utile l’utilizzo di una clessidra ed insegnare al bambino che può smettere di spazzolare i denti quando la sabbia è scesa nella parte inferiore;
  9. Assunzione di fluoro. Il fluoro viene assorbito durante lo sviluppo dei denti ma può anche depositarsi sulla superficie del dente, a sviluppo già avvenuto. Il suo effetto più importante è quello di mineralizzare lo smalto, rendendolo più resistente. È presente nell’acqua e in molti alimenti (in alcune verdure e nel pesce). Il suo uso a scopo preventivo, tramite compresse o gocce o tramite l’applicazione diretta con dentifrici contenenti fluoro, è molto utile durante tutta l’età prescolare.
  10. Se proprio il nostro bambino non ne vuole sapere, esistono molte favole divertenti sull’importanza della pulizia dei denti.Cibo spazzatura Bambini-obesi-junk-food

Cosa cambia se sorridi?

Erminia Virno No Comments

i-sorrisi-dei-bambini-16

Sorridere è un ottimo modo per mantenerti su col morale mentre aiuti il tuo organismo a funzionare al meglio. Sorridere migliora la tua salute, riduce il tuo livello di stress, e aumenta la  simpatia intorno a te. Sorridere è  un modo divertente per vivere più a lungo e più sani. Sintetizziamo in 10 punti i motivi per cui  dobbiamo continuare a sorridere.

.

1. Sorridere ci rende più attraenti

.

Solitamente siamo attratti dalle persone che sorridono. Vi è un fattore di attrazione nel sorriso. Dovremmo conoscere e studiare più a fondo  una persona sorridente per sua natura per poterne assimilare le sue caratteristiche innate. Aggrottare la fronte, mostrare preoccupazione e fare smorfie di disgusto allontana da noi  le persone,  ma un sorriso le attira come una calamita (perciò evitate queste brutte abitudini negative che  invecchiano precocemente e mantenete il vostro sorriso che vi dà anche un ottimo aspetto).

.

2. Sorridere modifica il nostro umore

.

La prossima volta che ti senti giù, prova ad accennare un sorriso. C’è una buona probabilità che il tuo umore cambierà in meglio. Sorridere può ingannare il corpo e la mente e ti aiuta a cambiare rapidamente in meglio  il tuo umore.

 .

3. Sorridere è contagioso

 .

Quando qualcuno sta sorridendo  illumina tutto l’ambiente e le persone che gli stanno attorno, cambia gli stati d’animo degli altri e rende le situazioni più facili. Una persona sorridente porta la felicità a tutti. Perciò sorridi tanto e trasformerai in un paradiso il luogo dove sei presente.

.

4. Sorridere allevia lo stress

.

Lo stress può anche mostrarsi sul viso sottoforma di stanchezza. Sorridere aiuta a non apparire stanco, logoro, e abbattuto. Quando vi sentite un pò stressati, prendetevi  del tempo per indossare un bel sorriso. Lo stress sarà ridotto e  sarete  in grado di agire al meglio.

.

5. Sorridere stimola il Sistema Immunitario

.

Sorridere aiuta il sistema immunitario a funzionare meglio. Quando sorridi, migliori la tua  funzione immunitaria, probabilmente perché sei più rilassato. Perciò, ricordati che puoi prevenire o allontanare l’influenza o il raffreddore con qualche minuto di sorriso.

.

6. Sorridere abbassa la pressione sanguigna

.

Quando si sorride, si ha una riduzione della pressione sanguigna dimostrabile  e misurabile. Fate una prova, se avete un misuratore della pressione sanguigna a casa, sedetevi per qualche minuto, e fate una lettura. Poi sorridete per qualche attimo e prendete un’altra lettura, mentre continuate a sorridere. Noterete una bella differenza verso il basso, verso la normalità della vostra pressione arteriosa. Questo test dimostra pure che un sorriso allevia la tensione e  rilassa tutto il corpo.

.

7. Sorridere rilascia endorfine (antidolorifici naturali) e serotonina (nota anche come “ormone del buonumore”)

.

Studi scientifici  hanno ampiamente dimostrato che sorridere rilascia endorfine, che sono degli antidolorifici naturali dotati di una potente attività analgesica simile alla morfina, e la serotonina. La serotonina è coinvolta in numerose e importanti funzioni biologiche, tra le quali la creazione di uno stato di buonumore. Insieme queste due sostanze ci fanno sentire bene. Sorridere è perciò come un farmaco naturale autoprodotto dal nostro corpo.

.

8. Sorridere solleva il viso, stira i muscoli facciali  e ti fa sembrare più giovane

.

I muscoli che usiamo per sorridere sollevano il viso, facendoci apparire una persona più giovane e più bella. Non andate a fare un lifting facciale, provate invece  a sorridere un pò di più, migliorerete il vostro aspetto, apparirete  più giovani e vi sentirete meglio.

.

9. Sorridere ti fa sembrare una persona di successo

.

La gente sorridente sembra più sicura di se, ha maggiori probabilità di riuscire in quello che fà, ed un approccio migliore nelle relazioni sociali, specialmente con gli sconosciuti. Perciò indossa  un bel sorriso alle riunioni e agli appuntamenti e le persone reagiranno verso voi in modo più piacevole.

.

10. Sorridere aiuta a rimanere positivi

 .

Provate questo test: Cominciate a sorridere. Ora, provate a pensare a qualcosa di negativo continuando a sorridere. E’ molto difficile che possiate riuscirci. Quando sorridiamo il nostro corpo sta trasmettendo a tutto il resto dell’organismo un messaggio forte e chiaro:  “La vita è bella!” State lontani dalla depressione, dallo stress e dalle preoccupazioni sorridendo.

 .

Quali sono i vostri principali motivi per sorridere? Quelli che mettono un sorriso sul vostro viso ogni volta che ci pensate? Che cosa si può condividere con gli altri (uno scherzo, un pensiero, una battuta) che li farà sorridere? Condividi con gli altri le tue ragioni per sorridere.

 .

Altri motivi per Sorridere:

.

Perchè sorridere se ho perso?

.

 Un sorriso è un segno di vitalità positiva di un buon perdente: è più difficile sorridere da perdente che da vincente.

 .

Perché dovrei sorridere?

.

Sorridere aiuta le persone a migliorare la loro comunicazione. Sorridere è una forma di apprezzamento per le piccole cose della vita e ci regala  momenti meravigliosi insieme. E’ anche uno dei modi più semplici per condividere la propria felicità con gli altri.

.

Perché  dovrei sorridere?

.

Perché sorridere ti rende felice e riduce la probabilità di prendere la ‘malattia di non sorridere’,  una malattia che  si attacca a chi non sorride abbastanza. E’ contagiosa, e se la prendi, ti fa smarrire il sentiero verso la felicità.

.

Un Sorriso al giorno aumenta lo splendore del viso

 .

Sorridere è una cosa semplice e bella. Ogni volta che sorridi a qualcuno, è un atto d’amore, è un dono per quella persona, una cosa veramente molto bella. Perciò sorridi per le piccole cose, sapendo che puoi fare sorridere qualcun altro che non riesce a sorridere.

 .

Un motivo per sorridere

.

Basta svegliarsi al mattino, ed è già una buona ragione sufficiente per farmi sorridere. Per rendere il resto della giornata felice mi basta ricordare che ho una bella famiglia e dei buoni amici che si preoccupano per me durante la mia giornata.

.

Il sorriso è un qualcosa di grande valore

 .

Il sorriso è un qualcosa di valore che deve essere condiviso. Quando qualcuno condivide qualcosa di valore con noi e possiamo beneficiare di essa, abbiamo l’obbligo morale di condividerla con gli altri.

Concludendo:

Grazie a Dio …il  sorriso è gratuito, quindi … sorridiamo …

  :-)

 Da “La scuola del sorriso” del Dott. Sebastiano Tringali

123

Contattaci per informazioni

Scrivici o telefonaci per fissare un appuntamento nel nostro studio...